SICURGARDA s.n.c., SICUREZZA SUL LAVORO ED IGIENE DEGLI ALIMENTI HACCP
SICURGARDA  s.n.c., SICUREZZA SUL LAVORO ED IGIENE DEGLI ALIMENTI HACCP

Le etichette alimentari

I tecnici di Sicurgarda snc, sono in grado di fornire consulenza per la stesura di etichette per alimenti a norma di legge. 

 

I contenuti minimi delle etichette sono:

 

a) la denominazione dell’alimento;
b) l’elenco degli ingredienti;
c) qualsiasi ingrediente o coadiuvante tecnologico elencato nell’allegato II o derivato da una sostanza o un prodotto elencato in detto allegato che provochi allergie o intolleranze usato nella fabbricazione o nella preparazione di un alimento e ancora presente nel prodotto finito, anche se in forma alterata;
d) la quantità di taluni ingredienti o categorie di ingredienti;
e) la quantità netta dell’alimento;
f) il termine minimo di conservazione o la data di scadenza;
g) le condizioni particolari di conservazione e/o le condizioni d’impiego;
h) il nome o la ragione sociale e l’indirizzo dell’operatore del settore alimentare di cui all’articolo 8, paragrafo 1;
i) il paese d’origine o il luogo di provenienza ove previsto all’articolo 26;
j) le istruzioni per l’uso, per i casi in cui la loro omissione renderebbe difficile un uso adeguato dell’alimento;
k) per le bevande che contengono più di 1,2 % di alcol in volume, il titolo alcolometrico volumico effettivo;
l) una dichiarazione nutrizionale (tabella nutrizionale obbligatoria dal 2016)
 
N.B. in etichetta deve essere presente anche il LOTTO del prodotto, non perchè previsto dal REg CE 1169/2011 ma poichè previsto dalla Direttiva 2011/91/UE.

 

Si ricorda che anche i menù dei ristoranti e dei bar devono avere l'elenco degli allergeni, come previsto dai Regolamenti Europei. 

Esempi di etichette per alimenti

Esempio etichette

Allergeni e Regolamento UE 1169/2011

ALLERGENI: GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DAL REGOLAMENTO UE 1169/2011

 

Dal 13 dicembre 2014 è entrato definitivamente in vigore il Regolamento UE 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori. Questo regolamento pone l’obbligo a carico degli operatori del settore alimentare (anche a quelli operanti nei ristoranti o in altri locali di somministrazione) di fornire al consumatore finale tutte le informazioni circa gli ingredienti contenuti negli alimenti evidenziando tra di essi gli allergeni, riportati nell’allegato II. Nella parte introduttiva il regolamento recita: “Determinati ingredienti o altre sostanze o prodotti (quali i coadiuvanti tecnologici), quando sono utilizzati nella produzione di alimenti e vi permangono, possono provocare allergie o intolleranze in alcune persone e alcune di queste allergie o intolleranze costituiscono un pericolo per la salute delle persone colpite. È importante fornire informazioni sulla presenza di additivi alimentari, coadiuvanti tecnologici e altre sostanze con effetti allergenici o di intolleranza scientificamente dimostrati o prodotti, in modo da consentire ai consumatori, in particolare quelli che soffrono di allergie o intolleranze alimentari, di effettuare scelte consapevoli per la loro sicurezza.” A questo proposito risulta necessario riportare la chiara indicazione di questi ingredienti o sostanze, utilizzando strumenti facilmente accessibili a tutta la popolazione. Nelle etichette che accompagnano il prodotto alimentare, per esempio, il regolamento stabilisce di evidenziare le sostanze potenzialmente allergizzanti “attraverso un tipo di carattere chiaramente distinto dagli altri ingredienti elencati, per dimensioni, stile o colore di sfondo” (ART. 21).

 

Con una nota del 6 febbraio 2015 il Ministero della Salute ha fornito alcune indicazioni utili ai responsabili delle attività di somministrazione di alimenti in modo che possano adempiere agli obblighi stabiliti dal regolamento.

 

Nella nota viene innanzitutto ribadito che: “Qualsiasi operatore che fornisce cibi pronti per il consumo all'interno di una struttura deve fornire al consumatore finale le informazioni richieste. Tali informazioni possono essere riportate sui menù, su appositi registri o cartelli o ancora su altro sistema equivalente, anche tecnologico, da tenere bene in vista, così da consentire al consumatore di accedervi facilmente e liberamente.”

Nel caso in cui si volessero utilizzare strumenti elettronici (come ad esempio applicazioni per smartphone), questi non possono essere predisposti come gli unici sistemi di informazione in quanto “non facilmente accessibili a tutta la popolazione”.

Ad ogni modo viene precisato all’interno della nota, che l’operatore dovrà essere libero di indicare la presenza degli allergeni secondo le modalità che riterrà più opportune.

 

Alcune modalità suggerite sono:

 

  1. Indicare per iscritto, in maniera chiara ed in luogo ben visibile, una dicitura del tipo: “le informazioni circa la presenza di sostanze o di prodotti che provocano allergie o intolleranze sono disponibili rivolgendosi al personale in servizio”;

 

  1. Riportare per iscritto sul menù, sul registro o su un apposito cartello, una dicitura del tipo : “per qualsiasi informazioni su sostanze e allergeni è possibile consultare l’apposita documentazione che verrà fornita, a richiesta, dal personale in servizio”.

 

  1. Evidenziare nella lista degli ingredienti delle singole preparazioni la presenza degli allergeni;

ESEMPIO:

 

PASTA AL POMODORO: pasta di semola (GRANO), passata di                                                  pomodoro, olio d'oliva, sale.

 

SCALOPPINE AI FUNGHI: carne di vitello, funghi Champignon, BURRO, farina (GRANO),  olio d’oliva, aglio, sale.

 

  1. Predisporre una tabella che riporti le 14 categorie di allergeni previste dal Regolamento e che allo stesso tempo individui le preparazioni che le contengono.

 

Anche nel caso in cui si decidesse di optare per le scelte 1 e 2 è comunque necessario che le informazioni dovute ai sensi del Regolamento 1169/2011 (riferite ad ingredienti ed allergeni), siano riportate su idonea documentazione scritta, facilmente accessibile sia all’autorità competente sia al consumatore finale.

 

In conclusione si riportano le sostanze ed i prodotti in grado di provocare allergie o intolleranze, come stabilito dal Regolamento.

 

ALLEGATO II - SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCANO ALLERGIE O INTOLLERANZE

  1. Cereali contenenti glutine, cioè: grano, segale, orzo, avena, farro, kamut o i loro ceppi ibridati e prodotti derivati.
  2. Crostacei e prodotti a base di crostacei.
  3. Uova e prodotti a base di uova.
  4. Pesce e prodotti a base di pesce.
  5. Arachidi e prodotti a base di arachidi.
  6. Soia e prodotti a base di soia.
  7. Latte e prodotti a base di latte (incluso lattosio).
  8. Frutta a guscio (mandorle, nocciole, noci, noci di acagiù, noci di pecan, noci del Brasile, pistacchi, noci macadamia o noci del Queensland e i loro prodotti).
  9. Sedano e prodotti a base di sedano.
  10. Senape e prodotti a base di senape.
  11. Semi di sesamo e prodotti a base di semi di sesamo.
  12. Anidride solforosa e solfiti (in concentrazioni superiori a 10 mg/kg o 10 mg/litro in termini di SO2 totale).
  13. Lupini e prodotti a base di lupini.
  14. Molluschi e prodotti a base di molluschi.
Poster allergeni
Poster allergeni per sensibilizzare i clienti
allergeni poster.pdf
Documento Adobe Acrobat [533.1 KB]

Per qualsiasi domanda, richiesta o chiarimento o per fissare un appuntamento o un sopralluogo chiamateci allo:

Dr. Fadenti 3299523331

Dr.sa Pezzaioli 3336642523

Fax :  030/5237732

 

oppure inviate una mail a:

sicurgarda@gmail.com

I nostri orari di apertura

Lunedì - Venerdì08:30 - 12:30
Il pomeriggio si riceve SOLO su appuntamento

Scopri il nostro nuovo servizio: il punteggio di igiene alimentare
Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© SICURGARDA S.N.C. Sede Legale: Via Mantova 38 25018 Montichiari (Bs) Sede Operativa. Via Sirmioncino, 14 25019 Sirmione (BS) fax: 030/5237732 C.F. & P.IVA: 03488030986 REA: 538352

Chiama

E-mail

Come arrivare